Dichiarazioni 2019: deduzione contributi previdenziali ed assistenziali

Dichiarazioni 2019: deduzione contributi previdenziali ed assistenziali

Utilizzando la gestione “Contributi INPS”, presente nei quadri RP e RM del modello Redditi PF, è possibile dedurre gli oneri relativi ai contributi previdenziali IVS o Gestione Separata pagati nel 2018.

Nell’applicazione “Redditi PF 2019”, anno d’imposta 2018, è presente la funzione che permette di gestire in automatico la deducibilità dei contributi previdenziali nel quadro RP e di tassare in RM l’eventuale credito INPS utilizzato in compensazione, dedotto dagli anni precedente.

Deducibilità dei contributi previdenziali INPS in Redditi PF

In base alle indicazioni fornite dalle istruzioni ministeriali del modello Redditi PF, nel rigo RP21 è necessario indicare i contributi previdenziali e assistenziali versati dal contribuente alla gestione della forma pensionistica d’appartenenza. In tale campo devono essere inseriti solo i contributi effettivamente versati nell’anno 2018 in base al principio per cassa.

Tuttavia è necessario porre attenzione qualora dal modello Redditi PF dell’anno precedente fosse sorto un credito IVS o da gestione separata e/o, se nel corso del 2018, sia stato utilizzato in compensazione un credito previdenziale. Infatti per tali importi a credito utilizzati in compensazione è necessario verificare se gli stessi siano stati dedotti in precedenti dichiarazioni, in quanto in questo caso devono essere riportati nel rigo RM9, per assoggettarli a tassazione.

Gestione “Contributi INPS” con GB

La gestione “Contributi INPS” è presente nei quadri RP e RM dell’applicazione Redditi PF.

Dichiarazioni 2019: deduzione contributi previdenziali ed assistenziali - 1

La gestione “Contributi Inps” permette di riportare i contributi previdenziali IVS e da Gestione Separata INPS, pagati nel corso del 2018 tramite Applicazione F24, nel rigo RP21 del modello Redditi PF.

Dichiarazioni 2019: deduzione contributi previdenziali ed assistenziali - 2

Inoltre, qualora nel corso del 2018 si siano utilizzati in compensazione crediti Inps, una volta verificato che i crediti riportati dalla procedura nella gestione “Contributi Inps” sono stati dedotti nelle dichiarazioni precedenti, confermando i dati riportati o apportando le dovute modifiche, è possibile scaricare il credito dedotto nel rigo RM9 del modello Redditi PF, per assoggettarlo a tassazione.

Dichiarazioni 2019: deduzione contributi previdenziali ed assistenziali - 3

Si ricorda che nella gestione “Contributi Inps” la procedura riporta tutti i crediti utilizzati in compensazione in Applicazione F24. Sarà quindi l’utente che dovrà verificare quali tra questi crediti sono stati dedotti nelle dichiarazioni degli anni precedenti e confermare o modificare i dati da riportare in tassazione nel quadro RM.

Attenzione All’interno del software sono considerati oneri deducibili solo i contributi previdenziali pagati in Applicazione F24 2018. Quindi è necessario che siano state inserite le date di pagamento nelle relative deleghe in Applicazione F24 2018.

Anche per i crediti utilizzati in compensazione vale la stessa regola: Dichiarazioni GB riporta nel prospetto “Contributi INPS” solo i crediti utilizzati in compensazione nelle deleghe di pagamento caricate in Applicazione F24 per le quali è stato inserita la data di versamento.

Per maggiori informazioni si rimanda alla guida online della gestione.

ML/08– DB101

Ascolta la news

Applicazioni collegate

Scarica il software senza impegno!

Scarica il software senza impegno!



Ricevi la news giornaliera

Ogni giorno i nostri esperti analisti rilasciano una news operativa per agevolare l’utilizzo del programma e mostrare gli aspetti più interessanti delle applicazioni. Il servizio è gratuito: iscriviti subito!


Archivio News


Scarica il software senza impegno!


Scarica il software senza impegno!