Registrazione dei componenti negativi

Nel prospetto devono essere inseriti tutti i “Componenti negativi” di reddito compilando correttamente le colonne di cui è composto:
  • Numero: inserire il numero della fattura.
  • Data: inserire la data della fattura.
  • Fornitore: inserire il nominativo del fornitore.
  • B.S.: inserire una “X” sulla cella se la fattura è relativa all’acquisto di un bene strumentale.
  • Descrizione: inserire la descrizione sommaria della fattura da pagare.
  • Costo: inserire l’importo della fattura da pagare al lordo di tutti gli addebiti (spese+prestazioni+onorari+addebiti a vario titolo+spese anticipate). Il tutto al netto dell’Iva (in quanto imputata nella colonna seguente) e della ritenuta d’acconto (in quanto non incide sui costi).
  • Iva: Inserire il solo importo dell’iva (che resta comunque indetraibile).
  • Totale fattura: la procedura calcola in automatico il totale della fattura,  dato dal Costo + Iva, al lordo delle eventuali ritenute d’acconto.
  • Importo pagato: inserire l’importo pagato per la fattura tenendo presente che il pagamento comprende tutto quanto indicato in fattura compresa la ritenuta d’acconto. Inoltre, ricordarsi che qualora vengono detratti costi relativi a spese anticipate, sarà necessario riaddebitarle in fattura e registrarle tra i componenti positivi. Qualora invece il riaddebito non sarà imponibile, relativamente all’importo anticipato, non si dovrà registrarne il relativo costo, nè il pagamento.

Si ricorda infatti che pur applicandosi il “Principio di cassa”, restano valide le regole in merito alla competenza ed inerenza dei relativi costi.

  • Totale Beni strumentali: L’importo dei beni strumentali viene calcolato automaticamente dalla procedura a seguito della imputazione della “X” nella colonna “B.S.”, che sta a significare appunto che il documento registrato e’ relativo ad un bene strumentale.

La procedura potrà così verificare il superamento o meno del limite dei € 15.000, previsto per il triennio, considerando  sia gli acquisti fatti in corso d’anno che quelli dei due anni precedenti (2010 e 2011). Il controllo è possibile a condizione che l’utente abbia correttamente compilato il prospetto “Accesso al regime”, imputando nei due campi degli anni 2010 e 2011 gli importi relativi agli acquisti dei beni strumentali.
Per le particolarità dei beni compresi nella dizione “Beni strumentali” vedi il dettaglio analitico dei beni da considerare come tali.
L’eventuale superamento verrà  evidenziato  sia nella riga in alto sia nel prospetto “Permanenza nel regime”, valido per la verifica della sussistenza dei requisiti per l’anno 2012, segnalando di rosso il campo del totale in fondo.

  • Importo deducibile: è calcolato in automatico dalla procedura e rappresenta l’importo deducibile ai fini della determinazione del reddito imponibile. inserire la percentuale di deducibilità del costo. La procedura propone il 100,00%,  che è variabile dall’utente. Per le varie deducibilità vedi la tabella a fianco del prospetto.
I totali  sono riportati in automatico al quadro LM – nel “rigo LM5 – Componenti negativi”, come richiesti dalla modulistica dell’Unico, persone fisiche 2013.

Nei componenti negativi viene riportata in automatico la “differenza negativa” tra “componenti positivi e negativi degli esercizi precedenti”.
Nelle note è possibile inserire le fatture, ricevute nel periodo 2012, non pagate o pagate parzialmente, a titolo di promemoria.

Torna all’applicazione

Contabilità dei contribuenti Minimi in Excel

Prova il software INTEGRATO GB