Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione

In aggiunta al Bilancio Europeo da oggi è disponibile anche l’applicazione Bilancio Tardivo 2016 che consente di presentare (o ripresentare) il bilancio 2016 a seguito della dismissione della corrispondente tassonomia originaria.

Nell’applicazione Bilancio Europeo, anno 2018, è presente un menu apposito da cui abilitare un bilancio a macro-voce 2016 in aggiunta al bilancio tradizionale 2018.

Bilancio Tardivo 2016

In occasione dell’approvazione della tassonomia relativa al bilancio con esercizio al 31/12/2018 (PCI 2018-11-04 in G.U. dell’8.01.2019) e decorrenza dal 23/01/2019, il Ministero ha deciso la dismissione della tassonomia riferita al 2016 (PCI 2016-11-14) come riepilogato di seguito:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 1

Pertanto:

  • dal 23/01/2019, con un bilancio 2016 già predisposto, non si può produrre un «nuovo» definitivo per fascicolo (o annullarlo) ma solo eseguire la renderizzazione (cioè la visualizzazione Tebeni).  Non si può neanche eseguire una validazione, in quanto sarebbe restituito un errore X1 per tassonomia dismessa.
  • dal 23/01/2019, non si può più utilizzare l’applicazione Bilancio Europeo dell’anno di riferimento 2016, ma solo quella 2018.

Nota bene N.B. Per il Bilancio Tardivo 2015 relativo agli anni 2009-2014, non cambia nulla, ed occorre sempre accedere all’anno 2015 dove si trovano il Bilancio 2015 ed il Bilancio Tardivo 2009-2014 (vedi in proposito la specifica news).

Accesso alla procedura 2018

Ipotizzando la presentazione di un bilancio 2016, prima di accedere alla procedura è necessario:

  • Abilitare la Contabilità o il Bilancio Europeo dell’anno 2016 (se la ditta è già attiva in Gb per quell’annualità, ciò non è necessario).
  • Abilitare l’applicazione Bilancio Europeo 2018, in quanto il tardivo si gestisce dall’applicazione 2018 (e tassonomia 2018).

Nota bene N.B. In caso di abilitazione dell’applicazione 2016 (bilancio 2016 o contabilità 2016), dare conferma alla seguente maschera, che riepiloga la variazione del piano dei conti, a causa della riforma del bilancio (D.Lgs. 139/2015):

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 2

Eseguiti questi passaggi, entrando in Bilancio Europeo 2018 verrà visualizzato il nuovo menù Gestione Bilancio tardivo:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 3

Cliccandoci, appare una maschera in cui occorre mettere il check su Presentazione bilancio tardivo e scegliere l’anno di interesse 2016 cliccando il pulsante Gestisci:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 4

Questi passaggi consentono di passare dal bilancio 2018 con tassonomia 2018 (che chiameremo 2018_2018) al bilancio 2016 con tassonomia 2018 (che chiameremo 2018_2016). Infatti uscendo dalla maschera troveremo i pulsanti dei menù rinominati:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 5

Quindi nell’applicazione 2018 possiamo gestire contemporaneamente due bilanci, passando da uno all’altro con la funzione gestisci. Per tornare al 2018_2018, nella maschera, basta togliere il check da “presentazione bilancio tardivo” ed uscire.

Saldi di bilancio

Una volta “Gestito” il Bilancio Europeo tardivo 2016, il passaggio successivo è di procedere con il caricamento dei Saldi 2016. La maschera che segue presenta due principali alternative per l’inserimento dei dati:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 6

Quindi l’utente può inserire un ordinario, un abbreviato o un micro imprese 2016 (anno della sua prima introduzione).

Tali schemi possono essere o da input (scelta schema per bilancio tardivo 2016) o con importazione dei dati da XBRL o da contabilità GB (Importazione da file XBRL o da Contabilità GB).

L’importazione prevede tre opzioni:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 7

Se optiamo per un inserimento da input, ad esempio un abbreviato 2016, appare un messaggio che ricordandoci che il tardivo (2016) è sempre macro-voci, sottolinea come le tabelle saranno integrate con la logica sintetica del macro-voci (anche se esistesse una contabilità analitica 2016 inserita per predisporre dichiarativi, piuttosto che il Cee). Segue la struttura 2018 ma riferita all’anno 2016:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 8

Le differenza sono poche: oltre al titolo, vi è il rigo crediti per imposte anticipate assente nello schema 2016 ma presente nel 2018, che risolve il problema della totalizzazione nel bilancio abbreviato e micro-imprese (si rimanda alla specifica news), infine vi sono i conti d’ordine, non obbligatori, che eventualmente si possono inserire per ottenere l’integrazione con le tabelle della Nota Integrativa 2018.

Nota bene N.B. In basso, la barra in cui sono indicati schema, sigla della ditta, ed il codice attività, è a sfondo verde  mentre nei saldi del bilancio non tardivo lo sfondo è blu per distinguere ulteriormente che si lavora nel bilancio tardivo.

Procedendo con il pulsante Genera saldi si sigillano gli importi che vengono così passati al Bilancio Europeo. Si tratta comunque di una operazione annullabile, per reinserire saldi diversi, mediante la funzione inversa: Annulla saldi generati.

Menu Bilancio Europeo

Per procedere allo step successivo, clicchiamo su Pulsante Bilancio Europeo tardivo 2016 visualizzando quindi il Menu Bilancio Europeo:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 9

Clicchiamo quindi sul pulsante Bilancio da depositare al Registro Imprese per accedere ai documenti obbligatori in quanto da presentare alla CCIAA:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 10

Nota Integrativa

Entrando in Nota integrativa, troviamo alcune differenze:

– l’anno di riferimento ‘2016’ deve essere inserito dall’utente nei testi base, i quali riportano sempre: 31/12/2018 (all’uopo si può utilizzare la nuova funzione ricerca avanzata Ricerca avanzata su tutto il documento e sostituire con 31/12/2016):

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 11

Come detto, la barra che riporta il ‘N° Tabella’ e la sua denominazione, è a sfondo verde  mentre nella Nota Integrativa non tardiva lo sfondo è blu per distinguerle.

La struttura prevede tabelle obbligatorie a sfondo bianco, o tabelle aggiuntive a sfondo blu.

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 12

La natura delle tabelle aggiuntive o alternative è sempre riportata nelle note di compilazione (in basso).

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 13

Nota bene N.B. Se la nota di compilazione non è presente, la tabella in cui ci troviamo è obbligatoria (sempre che a bilancio, esista il fenomeno che descrive).

Novità - Nuova applicazione Nel Tardivo 2016, sono stati introdotti i controlli di quadratura (assenti nel precedente tardivo) e collegati direttamente ai singoli righi del bilancio, per ridurre gli errori di compilazione.

Definitivo per Fascicolo

In Nota Integrativa, facendo il Definitivo per Fascicolo per la produzione dell’XBRL, esso viene inserito in una cartella di sistema, relativa all’anno 2016:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 14

Lo stessa viene utilizzata da Assemblea Soci, Relazione Sindaci/Revisore, Relazione sulla gestione facendo il definitivo:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 15

Tutti i documenti definitivi finiscono nel Fascicolo Bilancio Tardivo 2016. Cliccandoci avremo il riepilogo dei file e della cartella utilizzata dal sistema, raggiungibile con un click:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 16

La cartella è la stessa in cui operava la procedura 2016, per cui se stiamo ripresentando un bilancio già presentato, si raccomanda di non cancellare i “vecchi file” prodotti a suo tempo in quanto comunque rappresentano il bilancio valido fino al tardivo:

Bilancio Tardivo 2016 con tassonomia 2018: rilascio applicazione - 17

Il “nuovo bilancio” sarà riconoscibile in quanto presenterà il suffisso:

  • istanzaCF_2018_2016.xbrl
  • relazione2018_2016.pdf

questo in modo da capire con quale tassonomia è stato realizzato (2018) e a quale anno si riferisce (2016). L’istanza priva di suffisso, istanzaCF.xbrl e relazione.pdf sono quelle originarie 2016 fatte con la tassonomia 2016:

Guida

Per altre informazioni tecniche, si rimanda alla guida on line alla procedura.

Nota bene Il team GB è sempre disponibile per fornire maggiori informazioni sulla procedura.

BB101- MM/5

Scarica il software senza impegno!

Prova il software e importa fatture, bilanci, anagrafiche, terreni e fabbricati