Bonus Mobili 2019: regole detrazione

Bonus Mobili 2019: regole detrazione

Le spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (con classe energetica non inferiore alla A+, A per i forni) possono essere portate in detrazione al 50% se si riferiscono all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.

La recente Legge di bilancio (Legge 145 del 30 dicembre 2018) ha prorogato l’agevolazione anche per gli acquisti che si effettuano nel corso del 2019, ma in questo caso può essere richiesta solo per gli interventi di ristrutturazione edilizia iniziati a partire dal 1° gennaio 2018.

Per tutti gli acquisti effettuati nel 2018 invece, la detrazione del 50% è ammessa solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018.

Calcolo della detrazione

La detrazione del 50% è calcolata su un importo massimo di 10.000 euro e va ripartita tra chi ne ha diritto in dieci quote annuali di pari importo.

Il limite massimo deve essere considerato al netto delle spese sostenute nel corso del 2017 e per le quali si è già fruito del bonus nel caso di acquisti di mobili o elettrodomestici effettuati nel 2018 (o al netto delle spese sostenute nel corso del 2018 nel caso di acquisti del 2019).

Il limite dei 10.000 euro riguarda la singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze, o la parte comune dell’edificio oggetto di ristrutturazione.

Pertanto, il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto più volte all’agevolazione.

Pagamento con bonifico

Per poter usufruire della detrazione sugli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici, occorre effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali, sui quali va indicato:

  • Ricevuta del bonifico
  • Ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito)
  • Documentazione di addebito sul conto corrente
  • Fatture di acquisto dei beni, riportanti natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi acquisiti

Non è ammesso invece il pagamento tramite assegno bancario, contanti o altri mezzi.

N.B. Dal 2018 è necessario comunicare all’ENEA gli acquisti di alcuni elettrodomestici per i quali si può usufruire del bonus (forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici, asciugatrici).

Detrazione BONUS MOBILI con il software GB

Per fruire del Bonus Mobili, è necessario indicare i dati relativi alle spese sostenute rispettivamente nel rigo RP57 di Redditi Persone Fisiche o nel rigo E57 del Modello 730.

La gestione si attiva facendo doppio click sopra i campi relativi alla sezione “Spese per arredo immobili ristrutturati”.

Bonus Mobili 2019: regole detrazione - 1

Quando vengono inseriti correttamente i dati nella gestione, il software calcola la relativa detrazione e compila in automatico i campi nel modello.

Bonus Mobili 2019: regole detrazione - 2

Cliccando il pulsante “Esci ed aggiorna il quadro” il software riporta i dati nel modello.

Bonus Mobili 2019: regole detrazione - 3

Per maggiori chiarimenti sul funzionamento della gestione rimandiamo alla guida online presente all’interno della maschera stessa.

DB501 – DB101 – MAR/09

Ascolta la news

Articoli correlati

Applicazioni collegate

Scarica il software senza impegno!

Scarica il software senza impegno!



Ricevi la news giornaliera

Ogni giorno i nostri esperti analisti rilasciano una news operativa per agevolare l’utilizzo del programma e mostrare gli aspetti più interessanti delle applicazioni. Il servizio è gratuito: iscriviti subito!


Archivio News


Scarica il software senza impegno!


Scarica il software senza impegno!