Casella fusione Comuni

Nel frontespizio della dichiarazione Redditi PF (e nel modello 730) è presente da quest’anno la nuova casella “Fusione Comuni”, collocata nel rigo relativo al domicilio fiscale al 1° gennaio 2017.

Questa casella deve essere compilata se il Comune in cui si risiede è stato istituito per fusione avvenuta nel corso del 2016 e se tale Comune ha deliberato aliquote dell’addizionale comunale all’Irpef differenziate per ciascuno dei territori dei comuni estinti.

La casella va compilata indicando l’apposito “Codice identificativo territorio” riportato nella tabella denominata “Elenco comuni istituiti per fusione nel corso del 2016 e che hanno adottato aliquote dell’addizionale comunale differenziate” sotto riportata.

NUOVI COMUNI NATI NEL 2016 PROVINCIA COMUNI DI ORIGINE CODICE IDENTIFICATI EX COMUNE
ALPAGO BL Ex Comune di PIEVE D’ALPAGO G638
Ex Comune di PUOS D’ALPAGO H092
Ex Comune di FARRA D’ALPAGO D506
ALTO RENO TERME BO ALTO RENO TERME M369
Ex Comune di PORRETTA TERME A558
BIENNO BS BIENNO A861
Ex Comune di PRESTINE H050
CAMPIGLIA CERVO BI Ex Comune di CAMPIGLIA CERVO B508
Ex Comune di QUITTENGO H145
Ex Comune di SAN PAOLO CERVO I074
MONTESCUDO – MONTE COLOMBO RN Ex Comune di MONTE COLOMBO F476
Ex Comune di MONTESCUDO F641

Compilazione della casella Fusione Comuni

CASO DI PRESENZA DEL SOLO DOMICILIO FISCALE AL 1/1/2016

Se risultano compilati i campi “Comune” e “Provincia” del rigo relativo al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” ma non quelli del “Domicilio fiscale al 01/01/2017” e risulta altresì compilata la casella “Fusione Comuni”, l’addizionale comunale per il 2016 va calcolata con riferimento alle aliquote ed eventuali agevolazioni previste per il territorio dell’ex comune ed identificato dal codice catastale indicato nella casella “Fusione Comuni”.

CASO DI PRESENZA ANCHE DEL DOMICILIO FISCALE AL 1/1/2017

Se invece risultano compilati sia i campi “Comune” e “Provincia” del rigo relativo al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” che quelli del “Domicilio fiscale al 01/01/2017” e risulta altresì compilata la casella “Fusione Comuni”, il codice indicato nella casella “Fusione Comuni” va utilizzato ai fini del calcolo del saldo 2016 o dell’acconto 2017 dell’addizionale comunale a seconda se il comune che ha adottato aliquote dell’addizionale comunale differenziate è indicato nel rigo relativo al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” o nel rigo relativo al “Domicilio fiscale al 01/01/2017”.

CASO PARTICOLARE

Nel caso in cui risultano compilati sia i campi relativi al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” che quelli del “Domicilio fiscale al 01/01/2017”, risulta altresì compilata la casella “Fusione Comuni” ed entrambi i comuni indicati nei suddetti righi sono presenti nella citata Tabella, nei del Domicilio fiscale al 01/01/2016 vanno riportati rispettivamente Denominazione, Provincia e Codice catastale dell’ex comune di origine con riferimento al quale si determina l’addizionale comunale dovuta per il 2016. In questo caso l’addizionale comunale per il 2017 va calcolata invece, con riferimento alle aliquote ed eventuali agevolazioni previste per il territorio dell’ex comune ed identificato dal codice catastale indicato nella casella “Fusione Comuni”.

Casella Fusione Comuni con Dichiarazioni GB

La casella Fusione comuni è presente nel frontespizio di Redditi PF2017 e nel frontespizio del modello 730 nella sezione dedicata all’indicazione del domicilio fiscale.

Attenzione La casella FUSIONE COMUNI deve essere compilata solamente se il comune al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” o quello al “Domicilio fiscale al 01/01/2017” è uno di quelli presenti all’interno della tabella.

Tabella Fusione Comuni

Se nel domicilio fiscale all’01/01/2016 o all’01/01/2017 è presente un Comune soggetto a fusione e non è impostato il campo FUSIONE COMUNI il software avverte con il seguente messaggio.

Campo Fusione Comuni

N.B. Fin quando il campo non sarà impostato il software segnalerà il presente messaggio nei seguenti momenti:
Apertura del quadro
Creazione del file telematico
Storicizzazione della ditta

CASO PARTICOLARE

Nel caso in cui risultano compilati sia il “Domicilio fiscale al 01/01/2016” che il “Domicilio fiscale al 01/01/2017” ed entrambi i comuni indicati nei suddetti righi sono presenti nella citata Tabella “Fusione Comuni” è necessario operare nella seguente maniera:

  • nel rigo relativo al “Domicilio fiscale al 01/01/2016” va riportata la denominazione dell’ex comune di origine con riferimento al quale si determina l’addizionale comunale dovuta per il 2016. Per questo motivo è stato creato il pulsante “Domicilio fiscale all’01/01/2016” dal quale potere scegliere il comune di origine”
  • il campo “FUSIONE COMUNI” deve essere compilato relativamente al “Domicilio fiscale al 01/01/2017” indicando il codice catastale del territorio dell’ex comune

Domicilio fiscale al 01/01/2017

Il pulsante Pulsante Domicilio Fiscale è attivo solamente se ci si trova nel caso particolare sopra esposto. Diversamente, cliccando il pulsante, non avviene nulla ed il software avvisa l’utente con un messaggio:

Messaggio errore

Per maggiori chiarimenti sul funzionamento della gestione rimandiamo alla guida online presente all’interno del frontespizio di Redditi PF.

DB101 – ML/11

Scarica il software senza impegno!

Scarica il software senza impegno!



Ricevi la news giornaliera

Ogni giorno i nostri esperti analisti rilasciano una news operativa per agevolare l’utilizzo del programma e mostrare gli aspetti più interessanti delle applicazioni. Il servizio è gratuito.



Scarica il software senza impegno!