Dichiarazione IVA e IVA Base 2019: rilascio applicazione

Dichiarazione IVA e IVA Base 2019: rilascio applicazione

Con il provvedimento n° 10659 del 15 gennaio 2019 l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello e le istruzioni definitive della Dichiarazione IVA e IVA Base 2019, anno d’imposta 2018.

L’obbligo di presentazione della dichiarazione annuale IVA spetta a tutti i contribuenti titolari di partita IVA che esercitano attività d’impresa, attività artistiche o professionali di cui agli artt. 4 e 5 D.P.R. n. 633/1972.

La dichiarazione IVA 2019 deve essere presentata in forma autonoma nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2019.

Principali novità modelli IVA 2018

Quadro VA

Nella sezione 2 del quadro VA è stato introdotto il rigo VA16 riservato ai contribuenti che a partire dal 1° gennaio 2019 partecipano a un Gruppo IVA di cui agli artt. 70-bis e seguenti. In particolar modo, questo rigo deve essere compilato da coloro che nell’anno d’imposta 2018 hanno comunicato l’ultima Dichiarazione annuale IVA prima dell’ingresso nel Gruppo Iva.

Quadro VX

In questo quadro, nel rigo VX2 è stato inserito il campo 2, riservato ai soggetti che a partire dal 1° gennaio 2019 partecipano a un Gruppo IVA . In questo campo deve essere indicata la parte dell’eccedenza detraibile risultante dalla dichiarazione, pari all’ammontare dei versamenti IVA effettuati con riferimenti al 2018, che deve essere trasferita al Gruppo IVA .

Quadro VO

Nel quadro VO, rigo VO34 è stata inserita la casella 3. Questa, deve essere barrata dai contribuenti che avendo optato, ai sensi dell’articolo 10, comma 12-undecies, del Decreto-Legge n.192 del 2014, nel corso del 2015 per l’applicazione del regime fiscale di vantaggio di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge n.98 del 2011, revocano la scelta effettuata e a partire dal 2018 accedono al regime forfetario di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 190/2014.

Quadro VG

Nella sezione 1, righi da VG2 a VG4, è stata introdotta la casella 7 “Soggetto estero”. Nella sezione 2 è stata introdotta la casella 6 “Soggetto estero”. Le nuove caselle devono essere barrate qualora il soggetto non residente che detiene il controllo sia privo di una posizione IVA nel territorio dello Stato.

Quadro VY: Prospetto IVA 26/PR

Nel rigo VY2 è stato inserito il campo 2 riservato ai soggetti che a partire dal 1° gennaio 2019 partecipano a un Gruppo IVA di cui agli art. e seguenti. In questo campo va indicato la parte dell’eccedenza detraibile risultante dal prospetto che deve essere trasferita dalla controllante al Gruppo IVA . Nel rigo VY4 è stato introdotto il nuovo campo 3 “Gruppo IVA art. 70-bis”. Questa casella deve essere barrata dalla controllante nel caso in cui, a partire dal 1° gennaio 2019, intende chiedere a rimborso la parte dell’eccedenza detraibile risultante dalla dichiarazione del prospetto, per la cui che non deve essere trasferita al Gruppo.

Quadro VL

Nel rigo VL30 campo 3 deve essere conteggiata anche l’IVA periodica, versata con il codice tributo 9001 (al netto di sanzioni e interessi) e anno di riferimento 2018, fino alla data di presentazione della dichiarazione annuale IVA , a fronte del ricevimento delle comunicazioni di irregolarità (art.54-bis) derivanti dalle comunicazioni liquidazioni periodiche.

Nel rigo VL33 il calcolo del credito emergente dalla dichiarazione viene effettuato tenendo conto esclusivamente dei versamenti effettuati, quindi considerando l’importo del campo VL30_3 e non VL30_1 (come avviene nel calcolo del debito).

La nuova modalità di compilazione del rigo VL33, determinerà per i contribuenti che non hanno versato l’IVA periodica, una impossibilità di utilizzo totale o parziale del credito Iva annuale fino al versamento dei debiti IVA periodici.

Nel caso in cui il contribuente proceda a versare l’IVA periodica, successivamente alla presentazione della Dichiarazione, per far emergere il credito annuale dovrà presentare una Dichiarazione IVA Integrativa.

Sezione visto di conformità

All’interno di questa sezione è stato inserito un riepilogo dei casi nei quali il visto non si considera validamente rilasciato dal professionista o dal CAF.

Dichiarazione IVA e IVA Base 2019 GB

Da oggi è disponibile l’applicazione “Dichiarazione IVA 2019” – “Dichiarazione IVA Base 2019”.

Ricordiamo i passaggi per l’abilitazione:

  • Eseguire Update del software;
  • Aprire la ditta in cui si vuole abilitare l’applicazione Dichiarazione IVA / Dichiarazione IVA Base 2019, anno imposta 2018;

Le modalità di abilitazione delle applicazioni sono due:

  1. Se l’applicazione “Dichiarazione IVA” o “Dichiarazione IVA Base” è stata già utilizzata nell’anno 2018 per abilitarla è sufficiente cliccare su o . Il software chiede se abilitarla subito per il nuovo anno con un messaggio: rispondendo “sì” sarà automaticamente abilitata; rispondendo “no” sarà necessario procedere con l’abilitazione illustrata al successivo punto.

Dichiarazione IVA e IVA Base 2019: rilascio applicazione - 1

  1. Resta sempre utilizzabile la consueta modalità di abilitazione delle applicazioni dalla gestione “Applicazioni”, apponendo il check in corrispondenza di “Dichiarazione IVA” o “Dichiarazione IVA Base” anno imposta 2018.

Dichiarazione IVA e IVA Base 2019: rilascio applicazione - 2

In fase di abilitazione dell’applicazione “Dichiarazione IVA” si apre la maschera con i codici attività della ditta. Nel caso di esercizio di più attività, nell’anagrafica ditta, deve essere specificato se sono gestite con contabilità “Separata” o “Unificata”.

L’Agenzia delle Entrate non ha ancora pubblicato i moduli di controllo della Dichiarazione IVA 2019, pertanto al momento non è possibile creare, controllare e inviare il file telematico. Inoltre la storicizzazione e l’invio ai pagamenti sono momentaneamente bloccati.

Le istruzioni per l’utilizzo del modello sono presenti nella guida on-line dell’Applicazione Dichiarazione IVA e IVA Base.

Software Dichiarazione IVA Base su modello ministeriale - INTEGRATO GB

Dichiarazione IVA e IVA Base 2019: rilascio applicazione - 3

SAM/5

Prova il software senza impegno per 30 giorni

Prova il software e importa fatture, bilanci, anagrafiche, terreni e fabbricati