Irap? Anche qui “Controlli” ti ricorda…

… le operazioni necessarie da effettuare in contabilità ed  F24, al fine di una corretta integrazione del modello Irap 2013.

Nell’applicazione Irap 2013 il software “Integrato GB” ha mantenuto la funzione “Controlli”, che ricorda all’utente le operazioni da eseguire preliminarmente alla compilazione del modello affinché “l’integrazione” con la contabilità e l’F24 riporti i dati in modo corretto.

Nella gestione “Controlli” sono riepilogati i controlli che la procedura esegue nell’applicazione in cui si sta lavorando.

Nella colonna “Stato”, relativamente ad ogni controllo, viene indicato:

quando l’operazione descritta è stata effettuata;

quando l’operazione descritta è incompleta o mancante.

Il pulsante “Vai” permette di eseguire il controllo aprendo direttamente l’applicazione/ funzione specifica.

Il pulsante “Escludi” permette all’utente di escludere volontariamente un controllo nel caso abbia delle eccezioni che non richiedano la verifica automatica di quella specifica situazione.

Si apre dal pulsante   la nuova gestione per

 

IMPORTARE I  DATI DEGLI ANNI PRECEDENTI

La gestione “Riporta dati da anno precedente” deve essere utilizzata dall’utente per compilare i campi contenenti i dati riferiti all’anno precedente.

Per un corretto utilizzo della importazione dei dati si rimanda alla guida on-line.

VERIFICARE L’INSERIMENTO “DATE DI PAGAMENTO” nel modello F24

Per un giusto riporto dei dati nel quadro IR del modello dichiarativo è necessario che siano indicate le date di versamento, nell’applicazione F24:

–      degli “Acconti Irap”

–      delle deleghe in cui il credito Irap anno 2011 è stato utilizzato in compensazione orizzontale.

Per un corretto utilizzo del modello F24, si rimanda alla guida on-line.

VERIFICARE DEL CREDITO IRAP

Il controllo è stato inserito per evitare che il credito IRAP (codice 3800) riportato nel quadro, continui a essere utilizzato in F24.

 Poiché il credito riguardante l’esercizio precedente è riportato nel quadro è utilizzato in “compensazione verticale” all’interno del dichiarativo, in diminuzione dell’importo dovuto a saldo per l’esercizio cui si riferisce la dichiarazione.

Se in F24 non viene disabilitato il check “Usa” s’incorre nel rischio di utilizzare il credito già esposto in dichiarazione e pertanto “utilizzato” in compensazione con altri tributi.

Cliccando sul pulsante “Vai” si apre la maschera che riepiloga lo stato dei crediti dell’esercizio precedente che hanno ancora un residuo utilizzabile.

Confermando il blocco del credito è tolto il check “Usa” nella maschera “Gestione compensazioni” in corrispondenza del credito Irap anno 2011.

Questo controllo non può essere escluso dall’utente, in quanto fondamentale per una corretta gestione degli utilizzi del credito.

NB. Fino a che la dichiarazione non è resa definitiva e non sono inviati i pagamenti all’F24 questo controllo può essere lasciato “in sospeso” dall’utente, potendo continuare ad utilizzare il credito in compensazione con altri tributi.

Se il controllo è eseguito e l’utente, con la dichiarazione ancora non definitiva, ha necessità di utilizzare il credito in F24 deve andare nella “Gestione delle compensazioni” e rimettere il check “Usa”.

RIPORTA ABBINAMENTO CONTI

 I soggetti che compilano la Sez. I – “società commerciali art 5-bis D.Lgs n. 449 del 1997 e nell’anno precedente hanno abbinato conti creati dall’utente ai vari campi del modello quest’anno non devono fare lo stesso lavoro.

 Infatti ci pensa il software con questo controllo, a riproporre gli abbinamenti fatti nell’esercizio precedente e riproporli nei campi del dichiarativo.

Per informazioni sul funzionamento della gestione abbinamento conti si rimanda alla guida on-line specifica.

CALCOLARE GLI AMMORTAMENTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI

Il corretto riporto dei dati nei righi “Ammortamenti dei beni strumentali materiali e immateriali” è subordinato al calcolo effettuato in contabilità.

Dopo avere aperto la form per il calcolo degli ammortamenti si deve:

I.        Eseguire il calcolo degli ammortamenti, cliccando sul pulsante “Calcola ammortamenti” e confermare.

 II.        Inviare i dati alla contabilità e dopo che si è aperta la form per la “Registrazione in prima nota” degli ammortamenti confermare l’operazione.

III.        Infine è necessario “Storicizzare” il calcolo cliccando sul pulsante “Storicizza” così da ottenere un giusto riporto dei dati nel dichiarativo.

Per un corretto utilizzo della gestione cespiti, riguardo al calcolo degli ammortamenti si rimanda alla guida on-line.

Per i soggetti che compilano la Sez. I – “società commerciali art 5-bis D.Lgs n. 449 del 1997 hanno un ulteriore controllo da eseguire sulle “Manutenzioni e Riparazioni”.

MANUTENZIONI E RIPARAZIONI

Per un corretto riporto dei dati è necessario accertarsi che sia compilata correttamente la form per la gestione di tali valori.

 

Il controllo del calcolo delle manutenzioni e riparazioni è presente sia per coloro che hanno la contabilità integrata che per coloro che compilano la dichiarazione da input.

Per informazioni sul funzionamento della form, su i soggetti che devono compilarla e su quali parti devono compilare, si rimanda alla guida on-line specifica.

VERIFICA OPERATIVITA’

Per una corretta compilazione della “Sezione IV – Soggetti non operativi” è necessario compilare il prospetto per la verifica dell’ operatività e poi aggiornare i dati.

Per un corretto utilizzo della verifica operatività, si rimanda alla guida on-line.

DB301 – SB/13

Metti subito in pratica la news! Prova INTEGRATO GB® senza impegno



In regalo il video formativo “Bilancio Europeo 2018: novità” curato dagli esperti analisti GB.

Con il download del software in regalo il video formativo curato dai nostri esperti

Prova il software INTEGRATO GB