Minimi e Ritenute Subite in Unico

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, con la risoluzione 47/E del 05/07/2013, che i nuovi minimi possono scomputare le ritenute d’acconto del 4%, applicate sui lavori di ristrutturazione edilizia da banche e uffici postali, in Unico PF.

Dal 1° gennaio 2012 i contribuenti minimi non devono più applicare la ritenuta d’acconto sui compensi, che nel modello Unico 2012, doveva essere indicata in CM13 “Ritenute d’acconto”.

In via transitoria si era utilizzato, per l’indicazione di tali importi, il rigo RS33 del modello Unico 2013 ordinariamente dedicato alle ritenute cedute da consorzi d’imprese.

Nel modello Unico 2014, tali ritenute trovano spazio nell’apposito rigo RS40 “Ritenute regime di vantaggio”.

RS40

Per lo scomputo dell’imposta sostitutiva l’importo va poi indicato in LM13 “Ritenute consorzio”,

LM13

invece ai fini dello scomputo dell’Irpef il dato deve essere inserito in RN32_4 “Ritenute totali”.

RN32

schema

In Dichiarazioni GB

Un esempio per capire meglio…

Ritenute subite da indicare in RS40 per euro 1.000

di cui euro 800 per lo scomputo dell’imposta sostitutiva

          euro 200 per lo scomputo dell’Irpef

Nel nostro esempio l’utente deve:

Indicare manualmente l’importo di euro 1.000 in RS40.

RS40

Accedere alla gestione del quadro LM ed inserire gli 800 euro, relativi allo scomputo dell’imposta sostitutiva, nel campo LM13.

Gestione LM

Il software calcola in automatico per differenza l’importo di euro 200 da indicare in RN32_4.

RN32

DB101 – RIV/33

Metti subito in pratica la news! Prova INTEGRATO GB® senza impegno



In regalo il video formativo “Bilancio Europeo 2018: novità” curato dagli esperti analisti GB.

Con il download del software in regalo il video formativo curato dai nostri esperti

Prova il software INTEGRATO GB