Modello 730 2018: rilascio applicazione e principali novità

Modello 730 2018: rilascio applicazione e principali novità

Con il provvedimento 10793 del 15 gennaio 2018 sono state pubblicate dall’Agenzia delle Entrate le istruzioni per la compilazione del modello 730/2018 e il Modello Ufficiale 730/2018.

Una delle novità introdotte nel modello 730 riguarda la nuova scadenza 730 fissata al 23 luglio, oltre che per chi presenta la dichiarazione precompilata, anche per i CAF, commercialisti e intermediari autorizzati, a patto però di aver inviato entro il 7 luglio più dell’80% dei modelli.

Eseguendo l’update del software, da oggi è disponibile l’applicazione 730/2018 anno imposta 2017, che deve essere utilizzato da tutti i lavoratori dipendenti e pensionati per dichiarare i propri redditi.

Principali novità modello 730 2018

Vediamo insieme quali sono le principali novità introdotte da quest’anno.

  • Locazioni brevi e Cedolare secca: a decorrere dal 1° giugno 2017 i redditi dei contratti di locazione non superiori a 30 giorni, che sono stati conclusi con l’intervento di soggetti che esercitano attività di mediazione, sono assoggettati ad una ritenuta del 21% se tali soggetti intervengono anche nel pagamento o incassano i canoni o i corrispettivi;
  • Cedolare secca: a decorrere dal 1° giugno 2017 i comodatari e gli affittuari che locano gli immobili, per periodi non superiori a 30 giorni, posono assoggettare a cedolare secca i redditi derivanti da tali locazioni;
  • Premi di risultato e welfare aziendale: è stato innalzato da 2.000 euro a 3.000 euro il limite dei premi di risultato da assoggettare a tassazione agevolata. Mentre se l’azienda coinvolge egualmente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro e se i contratti collettivi aziendali o territoriali sono stati stipulati fino al 24 aprile 2017 il limite è innalzato a 4.000 euro;
  • Spese d’istruzione: è aumentato a 717 euro il limite delle spese d’istruzione per la frequenza di scuola dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione;
  • Spese sostenute dagli studenti universitari: il requisito della distanza è ridotto a 50 chilometri per gli studenti residenti in zone montane o disagiate;
  • Spese sanitarie: sono detraibili le spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali con l’esclusione di quelli destinati ai lattanti;
  • Sisma-bonus: sono previste percentuali di detrazione più ampie per gli interventi e per le spese sostenute per gli interventi antisismici effettuati su parti comuni di edifici condominiali che comportano una riduzione della classe di rischio sismico;
  • Eco-bonus: anche per alcune spese per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali sono state ampliate le percentuali di detrazione;
  • 5 per mille: è possibile destinare una quota del cinque per mille a sostegno degli enti gestori delle aree protette;
  • Borse di studio: sono esenti le borse di studio nazionali per il merito e per la mobilità erogate dalla Fondazione Articolo 34;
  • Addizionale comunale all’Irpef: è stata inserita la casella “Fusione comuni nel rigo “Domicilio fiscale al 1° gennaio 2017” presente nel frontespizio del modello;
  • Art-bonus: dal 27 dicembre 2017 è possibile fruire del credito d’imposta per le erogazioni cultura anche per erogazioni liberali effettuate nei confronti di istituzioni concertistico-orchestrali, teatri nazionali, teatri di rilevante interesse culturale, festival ecc….
  • Contributo di solidarietà: da quest’anno non è più applicabile il regime fiscale denominato “contributo di solidarietà”.

Modello 730 2018 GB

  • Eseguire l’UPDATE del software dal pulsante Update;
  • Posizionarsi nella DITTA per la quale si vuole abilitare l’applicazione “DICHIARAZIONE 730”;
  • New Se l’applicazione DICHIRAZIONE 730 è stata già utilizzata nell’anno precedente, per abilitarla è sufficiente cliccare su Linguetta 730;
  • Il software chiede se abilitarla, per il nuovo anno, con un messaggio: rispondendo “sì” sarà automaticamente abilitata; rispondendo “no” l’applicazione non sarà abilitata. In seguito per abilitarla procedere come illustrato al successivo punto.

Modello 730 2018: rilascio applicazione e principali novità - 1

  • Dalla gestione “Applicazioni” apporre il check in corrispondenza di “DICHIARAZIONE 730 anno 2017.

Modello 730 2018: rilascio applicazione e principali novità - 2

Modello 730 2018: rilascio applicazione e principali novità - 3

Nella guida on line dell’Applicazione DICHIARAZIONE 730 2018 sono presenti le istruzioni per l’utilizzo del modello.

Info Comunichiamo inoltre che, con l’aggiornamento suddetto, è disponibile anche l’applicazione Terreni e Fabbricati 2017 per il calcolo di Irpef 2017, Imu e Tasi 2018.

Novità applicazione Terreni e Fabbricati

A breve saranno disponibili le aliquote IMU e TASI di tutti i Comuni d’Italia.

DB501 – LP/13

Metti subito in pratica la news! Prova INTEGRATO GB® senza impegno



In regalo il video formativo omaggio “Terreni e Fabbricati – IMU – 730 2018”, curato dagli esperti analisti GB.

Con il download del software in regalo il video formativo curato dai nostri esperti

Prova il software INTEGRATO GB